Pizza marinara

Ricette 360
Loading


La pizza Marinara è una tipica ricetta napoletana, nonchè una delle tipologie di pizza più conosciute ed amate nel mondo.
Si tratta di una pizza condita con aglio, olio, pomodoro ed origano che prende il suo nome dal fatto che in origine vi si aggiungeva del pesce, cosa che adesso è molto rara, anche se c’è chi sostiene che il nome derivi dalla facilità di conservazione degli ingredienti necessari che quindi erano adoperati dai marinai per i lunghi viaggi.Oltre alla ricetta originale infatti, proporremo anche una versione più veloce, in cui si fa uso di pasta per pizza gia pronta, illustreremo i valori nutrizionali ed in aggiunta anche i consigli dello chef per rendere questa ricetta ancora più saporita!


 Ricetta classica della pizza marinara



Costo della ricetta

basso

Tempo di preparazione

  • 15-20 minuti per fare la pasta
  • 2 ore e mezza o 3 ore per farla lievitare
  • 40 minuti per condire la pizza e farla cuocere

Gli ingredienti della tradizione per 6 persone

per la pasta:

  • 1 kg di farina
  • 50 g di lievito di birra
  • un pizzico di sale
  • un bicchiere d’acqua

per condire:

  • 4 etti di pomodori
  • 2 spicchi d’aglio e mezzo
  • origano q.b.
  • una noce di strutto
  • olio q.b.

Gli utensili di cui abbiamo bisogno

  • una teglia da forno bassa preferibilmente con un diametro di circa 35 cm
  • per lavorare l’ideale è il piano del tavolo ma anche una spianatoia va bene
  • un bicchiere
  • una ciotola capiente
  • un cucchiaino

Come si prepara la pizza marinara tradizionale

la pasta:

  1. Per prima cosa preparare il tavolo e versare la farina creando una fontana, ovvero raggruppando la farina come fosse una montagna, facendo un buco al centro in cui poi andremo a  versare lì gli altri ingredienti.
  2. Poi prendere un bicchiere di acqua tiepida e scioglierci dentro il lievito di birra aiutandosi con un cucchiaino per velocizzare il processo ed evitare che il lievito si attacchi sul fondo.
  3. A questo punto versare il lievito sciolto nell’acqua nella farina, precisamente al centro della fontana, quest’operazione va effettuata con calma in modo da non schizzare e permettere all’acqua ed alla farina di amalgamarsi bene.
  4. Aggiungere anche un pizzico di sale.
  5. Una volta uniti tutti gli ingredienti, rigorosamente con le mani, iniziare a lavorare la pasta, unendo, se l’impasto diventa troppo appiciccoso,  altra acqua tiepida durante la lavorazione.
  6. Bisogna lavorare il composto finchè non si otterrà una pasta liscia, omogenea, elastica ed abbastanza morbida, quando l’avrete ottenuta, fate una palla e mettetela in una ciotola avendo cura di cospargere il fondo della ciotola con un po’ di farina.
  7. L’ultimo passo da fare per la pasta è ricoprire con un panno la ciotola e metterla a lievitare in un luogo caldo per due ore e mezza, fino a quando  la pasta sarà ben gonfia.

il condimento:

  1. Nel frattempo, mettete sul fuoco una pentola con dell’acqua e portatela ad ebollizione.
  2. A questo punto immergete i pomodorini nell’acqua per qualche secondo e poi scolateli
  3. Appena i pomodorini si saranno raffreddati abbastanza procedete con lo sbucciarli e poi tagliarli a pezzetti, non troppo grandi,  rimuovendo tutti i semi.
  4. Prendete poi l’aglio e, sul tagliere, tagliatelo a fettine molto sottili.

la pizza:

  1. A questo punto accedente il forno a fatelo  preriscaldare ad una temperatura di 250°
  2. Dopo aver fatto trascorrere le due ore e mezzo prendete la pasta dalla ciotola e lavoratela energicamente per un po’, dovete riuscire a formare con le mani un disco rotondo (anche di altre forme se non avete la teglia adatta), del diametro della teglia
  3. A questo punto stendete un leggero strato di strutto su tutto il fondo della teglia.(se preferite potete utilizzare anche dell’olio)
  4. Ora mettete la pasta nella teglia facendola aderire bene e cercando di stenderla in modo uniforme senza lasciare buchi
  5. Prendete poi i pezzettini di pomodoro e cospargeteli in modo uniforme sulla pizza
  6. Fate lo stesso anche con i pezzettini di aglio
  7. Poi procedete con una copiosa spolverata di origano su tutta la pizza
  8. Preriscaldare il forno
  9. Infine aggiungete un filo d’olio ed infornate a 250° per circa 15-20 minuti.

Ricetta per una pizza marinara facile e veloce



Costo della ricetta:

basso

Tempo per la preparazione rapida

  • 10 minuti per la preparazione della pizza
  • 15-20 minuti per la cottura in forno

Gli ingredienti rapidi e facilmente reperibili per 6 persone

  • un chilo di pasta per pizza pronta (comprata surgelata al supermercato o fresca in un panificio)
  • una confezione di salsa di pomodoro in barattolo
  • origano q.b.
  • olio q.b.
  • 1 confezione di aglio tritato
  • una noce di strutto

Gli utensili necessari:

  • un bicchiere
  • una teglia da forno
  • una spianatoia

Come si prepara la pizza marinara fast

  1. La prima cosa da fare è accendere il forno a 250# in modo che sia ben caldo per quando inforneremo la pizza
  2. Ricoprire il tavolo o una superficie da lavoro con una spolverata di farina e posizioniamoci sopra la pasta pronta.
  3. Lavoriamo l’impasto con le mani o anche con un mattarello fino a fargli prendere la forma e le dimensioni della teglia che abbiamo intenzione di utilizzare
  4. A questo punto passiamo un sottile strato di strutto su tutta la teglia (in alternativa va bene anche un filo d’olio)
  5. Ora possiamo passare a posizionare la pasta all’interno nella teglia facendo attenzione che l’impasto sia perfettamente uniforme
  6. Poi apriamo il barattolo di pomodori e con un cucchiaio stendiamone un velo, uniforme, su tutta la superficie della pizza
  7. A questo punto aggiungiamo una spolverata di pezzettini di aglio
  8. Poi una spolverata di origano
  9. Infine aggiungiamo un filo d’olio
  10. Ora non resta che infornare la pizza e farla cuocere per 15-20 minuti.
  11. Sevire calda.

Presentazione estetica dei piatti

  • La pizza va servita in piatti rotondi specifici di dimensioni leggermente superiori al normale,come quelli del  ristorante, si possono aggiungere del basilico e delle olive nere sulla pizza già pronta come decorazione.

La scelta del vino da abbinare alla pizza marinara

  • In realtà con la pizza si sposa molto meglio la birra ma per gli amanti del vino, ce ne sono alcuni perfetti per questa ricetta.
  • Solitamente i sommelier consigliano l’abbinamento con vini rossi che siano leggermente frizzantini  e leggeri ma con la marinara si adattano perfettamente anche:
  • Falanghina - di colore giallo paglierino cristallino, odore persistente e fine, il sapore è secco e morbido
  • Fiano - colore giallo paglierino, odore intenso e gradevole, mentre il sapore è molto fresco ed armonico.

 


Varianti

  • La marinara è una pizza molto leggera che vista la pochezza dei suoi ingredienti non presenta molte varianti, tuttavia ce n’è una abbastanza famosa e diffusa soprattutto nel Lazio che vede la presenza delle acciughe.
  • Basterà quindi aggiungere le acciughe private del sale e della lisca al momento di condire la pizza prima di aggiungere l’olio per avere una gustosa variante.
  • Inoltre qualora piaccia si può aggiungere il pepe a tutti i condimenti.

Dieta e salute



Tra le pizze la marinara è sicuramente la più dietetica e leggera, tuttavia come le altre pizze ha un apporto calorico non indifferente che però può essere limitato con qualche piccola accorgenza.

Calorie della pizza marinara

  • Una porzione di pizza marinara presenta tra le 730 e 800 calorie.

Valori nutrizionali

  • La pizza marinara contiene varie sostanze nutrienti dai carboidrati che compaiono sotto forma di amido nella farina, ai lipidi vegetali dell’olio extravergine d’oliva.
  • Per porzione la pizza marinara ha 30 g di proteine, 24 g di lipidi e 107 g di zuccheri totali.

Consigli per una pizza marinara più leggera

  • La cosa fondamentale è eliminare lo strutto stendendo la pasta per pizza su carta da forno e non direttamente sulla teglia e ridurre la quantità d’olio sulla pizza.

Consigli dello chef

  • Per ottenere un’ottima pizza dovrete selezionare gli ingredienti con cura, per i pomodori optate sempre per i San Marzano perchè hanno pochi semi, una polpa soda e perdono poca acqua, mentre la farina deve essere di tipo “00”.
  • Inoltre se ne avete la possibilità lasciate anche due giorni la pasta a lievitare.


Cosa ne pensi di questa ricetta ?



Scrivi una Ricetta

Opinioni e consigli:


Principali Argomenti della Categoria "pizze"

Pizze  
Elenco Completo ...

Ricetta Classica Ricetta Veloce Presentazione Vino Varianti Valori Nutrizionali Opinioni